C GOLD: Smuoviamo la classifica

Gli Spartani tornano alla vittoria nella giornata in cui si ospita Erba, squadra giovane e ben allenata. Con i due punti portati a casa, finalmente, smuoviamo un po’ la classifica, dopo essere rimasti cristallizzati per un lungo periodo. Non abbiamo grossi problemi nel primo periodo, nel quale Iurato comincia a muovere la retina in modo continuo. Buoni in difesa, ma poco precisi in avanti. I secondi 10 minuti mostrano una pressione a tutto campo dei comaschi con conseguente perdita di alcuni palloni. La zona avversaria non ci mette in particolare crisi, poichè le due bombe consecutive di Tonella, intervallate da quella di De Francesco,mettono a tacere gli attacchi portati nel nostro pitturato. Qualche fallo di troppo ci convince a passare a zona anche noi, dove recuperiamo alcuni palloni sulla nostra prima linea difensiva. Lo show di Iurato alla fine del quarto con due piazzati dalla linea dei 6,75 risponde ai piazzati che prendiamo di troppo. Sopra di 15 all’intervallo, ma gli avversari hanno mostrato che non possiamo dormire sonni tranquilli. Infatti, al rientro, la pressione comasca diventa sempre più soffocante ed in difesa, spesso, siamo in difficoltà sui cambi difensivi. Crippa e Spreafico per gli ospiti lanciano in scia Erba, con i biancoverdi poco lucidi in fase offensiva. Gli ospiti arrivano a toccare il –2, ma riusciamo a riprenderci verso la fine del quarto ed una tripla di Colombo, riporta il divario a + 9 all’inizio degli ultimi 10 minuti. Ancora Colombo, con un’altra tripla, apre l’ultima frazione,nella quale siamo bravi a contenere il ritorno dei giovani comaschi.

OBC 70 – Erba 56        (15/8 24/16 14/20 17/12)

De Francesco 3, Velardo 7, Tonella 13, Colombo 8, Moretti 7, Troisi ne, Iurato 26, Rao ne, Vercesi 4, Bonechi, Hamadi 2, Galati 2

C Gold: Molliamo nel finale

Gli Spartani, nella difficile trasferta di Gazzada,mettono in seria difficoltà la seconda in classifica e dopo aver condotto per la gara per 30 minuti, mollano nel finale sotto i colpi di Passerini e Matteucci. Gli operesi partono subito forte ed impongono il proprio gioco con l’ex Hamadi e Iurato. Gazzada presa in contropiede tenta il recupero, ma in difesa ergiamo un un fortino che viene penalizzato, fin troppo, dai falli fischiati a Vercesi e Moretti. Chiudiamo sopra di due possessi ed il gap arriva fino a + 10 nel corso del secondo quarto. Ma non riusciamo ad essere sempre intensi ed energici e questi cali di cui soffriamo,aiutano i varesini a prendere coraggio e recuperare. Un ottimo Dejace, entrato in corsa, suona la carica per i giallo blu che ricuciono il gap e mettono la testa avanti per la prima volta. Gazzada avanti di un possesso al rientro negli spogliatoi.Il rientro sul parquet ci è favorevole e con grande energia ed intensità, si annichilisce la squadra di casa. Hamadi e Tonella trovano facilmente la via del canestro ed una buona difesa, dove spicca un ottimo Moretti, lascia poche speranze ai varesini di entrare nel nostro pitturato. Ancora due possessi di vantaggio all’inizio degli ultimi 10 minuti. L’entrata di Passerini, in panchina per i due quarti centrali,porta nuova linfa agli attacchi avversari.Prende in mano la squadra e, complice la nostra pigrizia ad attaccare il ferro, ci supera nel punteggio a 2 minuti dal termine 70/69. Matteucci ci da il colpo di grazia dalla linea di 6,75,colpo che ci piega le gambe. Non siamo più in grado di riprenderci psicologicamente anche per il poco tempo a disposizione e lasciamo a Gazzada i due punti.Poco da rimproverare ai ragazzi che stasera hanno reagito alla brutta caduta casalinga con Cermenate nel turno precedente.La classifica è deficitaria e bisogna reagire in fretta nelle prossime tre partite che chiuderanno il girone di andata.

Gazzada 76 – OBC 71     (14/20 25/16 11/20 26/15)

Botta 2, Velardo 9, Tonella 10, Colombo, Moretti 3, Iurato 16, Rao ne, Vercesi 5, Bonechi, Hamadi 21, Galati 6

C Gold: NON PERVENUTI…

L’infrasettimanale a Saronno non regala soddisfazioni per i nostri colori, ma ci fa ritornare con i piedi per terra dopo la bella e convincente prova di Cerro. Niente di buono da ricordare nel corso dei 40 minuti di gioco; mancanza di aggressività che porta a gravi disattenzioni difensive, con i varesini che trovano spesso tiri mai contrastati; mai intensi e poca voglia di sacrificarsi, se non il buon Velardo che ancora alla sua età lo si vede a fare sportellate sotto le plance con il gigante Politi. Nessuna energia messa in campo e totale mancanza di fiducia nell’attaccare il ferro. Rimaniamo così impallati nelle nostre posizioni esterne sperando che i nostri tiri muovano la retina. Ma non è serata e ci incaponiamo ancora di più, non riuscendo a fare quel balzo mentale per riuscire a fare quello che era stato preparato in palestra. Certo che avevamo davanti un’ottima squadra che è riuscita nel compito di non farci giocare…ma quello che preoccupa di più e che non ci abbiamo neanche provato. E non deve essere un alibi il fatto che Vercesi sia stato seduto in panchina per tutto il secondo tempo per un problema fisico. Oggi non ne abbiamo.Ora ci attende la partita casalinga contro la tosta Cermenate e sarà un impegnativo banco di prova per i nostri ragazzi che dovranno dimenticare il mercoledì a Saronno e mostrare quel giusto atteggiamento di chi ha fame.

LET’S GO SPARTANS

Saronno 80 – OBC 56       (23/13 24/12 15/17 18/14)

De Francesco 3, Velardo 13, Tonella 5, Colombo 3, Moretti 8, Troisi, Iurato 7, Vercesi 1, Bonechi 2, Hamadi 9, Galati 5

 

C GOLD: VIGEVANO CI E’ SUPERIORE

Match sulla carta scontato, ma non per questo gli Spartani sono scesi sul parquet di Milano 3 con la rassegnazione dell’agnello che va verso la bocca del lupo. Anche con un referto in cui mancavano al appello Colombo, Velardo e Iurato, i biancoverdi hanno mostrato carattere ed un ottimo atteggiamento nei confronti della corazzata ducale, la quale ha faticato tutto il primo quarto a trovare il ferro. Solo – 4 dopo i primi dieci minuti. Mostriamo la zona nella seconda frazione ed a circa metà tempo siamo a – 3, riuscendo ad imbrigliare il gioco offensivo del Vigevano, che fatica a trovare il ferro. Buone le prestazioni degli under De Francesco e Botta che tengono bene il campo contro giocatori come Grugnetti e Boffini. Purtroppo nel corso del quarto, Moretti esce per una distorsione alla caviglia. La fortuna, ancora una volta, non è dalla nostra parte, anche se siamo sempre sotto di 4 all’intervallo lungo. Con rotazioni ridotte al minimo, si riprende il gioco mostrando diverse difese per mettere in difficoltà gli avversari. Purtroppo non siamo sempre lucidi ed alcune palle sbagliate portano a creare veloci transizioni ducali che ci tramortiscono. Ma non siamo più lucidi neanche in avanti, dove manchiamo di gioco interno, causa anche una difesa avversaria energica. Il gap si va allungando ed ora è + 10 per i giallo blu. Niente da fare nell’ultimo quarto dove Grugnetti e Benzoni con una serie di triple chiudono il match.

OBC 46 – Vigevano 67       (7/11 15/15 13/19 11/22)

Botta, De Francesco 5, Tonella 6, Di Fiore, Moretti 5, Troisi, Vercesi 12, Bonechi 3, Hamadi 11, Galati 4

C GOLD: BEFFATI NEL FINALE

Ancora una sconfitta subita nel finale,dopo che per 35 minuti gli Spartani avevano condotto sempre in avanti il match. Con Colombo e Maffezzoli out per infortunio, i biancoverdi avevano indirizzato la partita nel migliore dei modi sin dalle battute iniziali con un ottimo Iurato, Velardo ed Andrea Cappellari, abili a sfruttare le corsie interne e la linea dei tre punti. C’è un ritorno di Nerviano nella seconda frazione che sfruttano le rotazioni biancoverdi  con Di Rauso sotto canestro, e le incursioni di Peroni  e Corno,ben serviti da Gatto. Gli Spartani con ancora Iurato e Galati, versione play, tentano di non far rientrare gli alto milanesi, che purtroppo hanno già rimontato il gap che avevamo costruito nel primo quarto. Dopo 20 minuti siamo davanti di un solo punto all’intervallo lungo. Il rientro dei biancoverdi è quello che ci fan ben sperare per il proseguo dell’incontro, con i ragazzi molto intensi in difesa e decisi in avanti. Andrea Cappellari comincia a martellare il canestro e con la mano di Iurato, presto creiamo un importante scarto che arriva sino a 12 punti che alla fine del tempo verrà ridotto a soli 8. Ma come spesso accade nell’ultima frazione la nostra intensità mentale cala e non riusciamo più a scuotere la retina avversaria. Al contrario, Nerviano, anche a causa di alcune situazioni difensive biancoverdi rivedibili, sfrutta il nostro momento no ed impatta il risultato a metà del quarto. 67 pari. In preda a poca lucidità il tempo scorre e non riusciamo mai a dare la sensazione di poter riprendere in mano l’incontro, anche se sotto di 1 a 50 secondi dal termine, l’arbitro fischia a Velardo un 3 secondi velenoso che grida ancora vendetta e ci da forse la mazzata finale. Vince Nerviano,forse più lucidi e più convinti dei biancoverdi, anche se …
Nervianese 79  OBC 76          (20/29 24/16 14/20 21/11)
Alb. Cappellari 4, Rao, Iurato 19, Galati 14, Gurioli 2, Velardo 9, Vercesi 4, And. Cappellari 18, De Francesco, Daverio 4, Botta 2

 

C GOLD: L’IMPRESA NON RIESCE

Partenza ad handicap per i biancoverdi ( privi di Daverio per influenza ), nella prima del girone di ritorno contro Gazzada. Prestazione incolore nel primo quarto, nel quale approcciamo in maniera poco reattiva, dando il via ad una serie di tiri incontestati di Passerini e Terzaghi che trafiggono la nostra retina. La nostra incapacità di organizzarci pur provando quintetti diversi, fa si che restiamo in balia dei varesini per tutto il primo quarto che scavano già un importante gap. – 16 e l’inizio della seconda frazione non cambia le cose, mostrando fatica ad attaccare il canestro, lasciando spesso doppie opportunità e soffrendo l’aggressività avversaria. Intanto Maffezzoli, in un contrasto con Vescovi, lascia il campo ed allora si sveglia Galati, che con una serie di incursioni suona la carica per gli Spartani. Velardo e Colombo seguono la nostra guardia e portano ossigeno al nostro punteggio. Il torpore che aveva caratterizzato il tempo precedente è svanito , mostrando una squadra briosa anche in difesa. Si rientra negli spogliatoi a – 9 e la rimonta è possibile. Perchè si rientra con lo stesso spirito e ricominciamo dove abbiamo lasciato. Prima Galati e poi Colombo e Gurioli, con una serie di bombe dall’arco creano nervosismo tra le fila avversarie, che ora faticano al ferro causa un’ottima difesa spartana che chiude tutte le maglie. Il gap è ricucito ad all’inizio dell’ultimo quarto il punteggio è impattato. Si decide tutto negli ultimi 10 minuti in cui Alberto Cappellari prende in mano la squadra. Il match è un botta e risposta fino all’ultimo, dove un canestro di Moraghi da posizione impossibile ( un piede sulla linea non visto dal grigio ) ed un recupero di Hamadi con canestro, spezzano la parità regalandoci l’amaro di un’altra sconfitta. Per l’ennesima volta un quarto non giocato, pregiudica il cammino della squadra. C’è stata un’ottima reazione, ma sui 40 minuti si pagano certi sforzi e con il livello di questo girone, è necessario non regalare niente.

OBC 69  -  Gazzada 73       (12/28 23/16 21/12 13/17)

Maffezzoli 2, Alb. Cappellari 11, Rao ne, Colombo 14, Roppo 2, Galati 17, Gurioli 7, Velardo 10, Vercesi 2, And. Cappellari 4, De Francesco

C GOLD: IL CICLONE OMNIA PAVIA SI ABBATTE SUGLI SPARTANI

Niente da dire e niente da fare quando si perde di 35 punti, di cui 65 su 103 presi solo nel primo tempo. Omnia troppo forte? Di un’altra categoria? Sicuramente e onore ai vincitori, ma quando realizzi solo 8 punti nel primo quarto e lasci tiri liberi dalla linea e non contesti nulla, vuol dire che si scende in campo senza un minimo di concentrazione e di voglia. Inutile commentare il match che tecnicamente ha mostrato disparità nei livelli tecnici e di gioco tra le due formazioni. Chiaramente non era questo il match che gli Spartani potevano vincere, ma affermare sul proprio campo la determinazione e il piglio di essere in grado di dare la giusta sferzata al proprio cammino, ciò era da aspettarselo. Sono alibi il rientro anticipato di Vercesi negli spogliatoi per febbre o la scavigliata di Galati. Tutti dovevano dare di più e questo non c’è stato o forse solo in minima parte. Nota positiva il debutto, in questo anno, di due nostri ragazzi classe ‘98, che non hanno per nulla sfigurato contro i ben più quotati avversari. Hanno dato il loro contributo,entrando in campo in modo sfrontato e per nulla timorosi. Sabato, a Saronno, riprendiamo il cammino e torniamo a giocare contro squadre più “ terrestri “. Gli Spartani sono tenuti a dare una risposta.

OBC 68 OMNIA PAVIA 103  (8/33 22/32 21/27 17/11)

Maffezzoli 5, Alb. Cappellari 2, Rao, Roppo 11, Galati 10, Gurioli 11, Velardo 14, Vercesi, And. Cappellari 11, De Francesco n.e, Daverio 2, Botta 2

C GOLD: NIENTE DA FARE CONTRO PALL. MILANO

Trasferta che sapevamo difficile in quel di Milano, ma che doveva rappresentare un punto di svolta nel nostro cammino. Gli Spartani hanno sbattuto più volte contro il muro avversario, incapaci di reagire ed applicare le cose fondamentali dei nostri giochi. Il primo quarto è di sostanziale equilibrio in cui si mettono in mostra un super Galati ed un effervescente Andrea Cappellari che ci tengono ancorati ai milanesi, anche con l’aiuto di un preciso Vercesi. Stessa falsariga nel secondo quarto fino a quando, abbassando la concentrazione, prendiamo tre triple consecutive senza essere contestate, che scavano un divario di 10 punti, con cui si chiude il primo tempo e che porteremo fino alla fine del match. La reazione è buona alla ripresa dei giochi, ma non c’è una chiara sensazione che serva a capire che il match possa essere ripreso. Abbiamo le nostre difficoltà in difesa e anche in avanti facciamo fatica a esprimere i nostri giochi. Siamo a – 7 negli ultimi 10 minuti. I bianchi milanesi controllano il match e non hanno nessuna intenzione di accellerare la partita. I ritmi dettati da Pall. Mi sono blandi anche perchè i nostri attacchi sono frenetici ed imprecisi. Con il passare dei minuti manca la forza mentale per reagire ed anche le sollecitazioni dalla panchina non hanno alcun effetto. Si perde un’altra partita che era alla nostra portata che con un po’ più di energia e concentrazione poteva dare respiro alla nostra classifica.

PALL. MILANO 78 – OBC 69    (21/20 26/17 17/20 14/12)

Maffezzoli 2, Alb. Cappellari 2, Rao n.e, Colombo 2, Roppo 12, Galati 24, Gurioli, Velardo 7, Vercesi 9, And. Cappellari 10, De Francesco n.e, Botta n.e

C Gold – Ko casalingo con Vigevano

Nel palazzetto di Siziano, gli Spartani non riescono a fermare la forte formazione vigevanese e ad invertire il trend negativo. Buona la gara condotta dai biancoverdi per tutto il primo tempo, dove abbiamo risposto bene agli attacchi dei loro lunghi e alle buone percentuali dei loro esterni.
Dopo un primo quarto in balia di Pozzi e di Grugnetti  e limitato Venturelli, gravato di 3 falli, rispondiamo con una discreta seconda frazione , nella quale salgono in cattedra gli ottimi Vercesi e Galati, che ci tengono in scia. Chiudiamo la prima parte di gioco sotto di 1 punto, andando negli spogliatoi con buone sensazioni. Ma il rientro di Venturelli dà una sferzata alla squadra pavese alla quale riesce quasi tutto in zona d’attacco, complice nostre indecisioni difensive e ritardi sugli esterni. Vigevano alza d’intensità anche la fase difensiva  causando, per l’ennesima volta, un black out nei biancoverdi e il normale sviluppo sono azioni confuse e frenetiche. I pavesi hanno creato un gap di 13 punti alla fine del terzo quarto, troppi per essere sorpresi negli ultimi 10 minuti. Vigevano è in pieno controllo della partita e pur provando fino alla fine a riprendere in mano la gara, i biancoverdi riescono solo ad accorciare e limitare i danni. Vigevano superiore tecnicamente, ma anche noi ci abbiamo messo del nostro, per far portare a casa i due punti ai pavesi con l’ennesimo regalo di un quarto concesso agli avversari.
OBC 74  Vigevano 82:  (21/28  22/16  13/25  18/13)
Alb. Cappellari 8, Rao n.e, Colombo 5, Roppo 10, Sita n.e, Galati 15, Gurioli,, Velardo 11, Vercesi 20, And. Cappellari 4, Botta n.e, Daverio 1

C1 Gold – La stagione inizia con un amara sconfitta

Ad una settimana dal cambio allenatore, gli Spartani sono in trasferta a Gazzada per la prima di campionato. I biancoverdi partono subito con forte e grazie anche ad una buona difesa, si portano a + 10 alla fine del primo quarto.

La seconda frazione vede il ritorno dei varesini,favoriti da una certa flessione difensiva. Discreto primo tempo degli Spartani,in cui Velardo e Daverio tengono viva la squadra biancoverde.

Al rientro per la seconda parte,siamo sopra di 8; un ritrovato Terzaghi, fino a quel momento ben curato dai biancoverdi, prende in mano la squadra gialloblu e ben coadiuvato dal tonico e preciso Hamadi, lanciano la squadra varesotta in gran rimonta. I nostri ragazzi ora fanno fatica a contenere le uscite dai blocchi e i conseguenti piazzati,che uniti alla nostra poca precisione al ferro,contribuiscono al ritorno in partita di Gazzada,che chiude il quarto sopra di 1.

Gli Spartani sono comunque vivi e Roppo e Gurioli ci tengono in scia fino alla fine dell’incontro,quando a 6 secondi dal termine,sotto di 3, Andrea Cappellari con canestro e fallo,impatta il punteggio. L’azione successiva Passerini con palla in mano;attraversa tutto il campo e s’incunea nella nostra difesa subendo un fallo. I tiri e i canestri dalla lunetta sanciscono la fine dell’incontro.

Lasciamo Gazzada con l’amaro in bocca,ma consapevoli che la strada imboccata e’quella giusta. Il nuovo coach ha in mano la squadra da meno di una settimana e già qualcosa si intravede,come intensità di gioco e voglia. Gli Spartani ci sono.

BC 7 Laghi 81 – OBC 79

Parziali: 16/26 19/17 25/16 21/20

Tabellino

Alberto Cappellari 9, Rao n.e, Colombo 4, Roppo 15, Sita, Galati 2, Gurioli 14, Velardo 10, Vercesi 2, Andrea Cappellari 11, Daverio 12, Magnani n.e