Under 16 FIP: Città di Opera 98- Pall. Olimpia Peschiera 42

Dopo il brutto tonfo di Corsico i nostri Spartani ricominciano il cammino dalla gara casalinga in Dante contro i ragazzi di Olimpia Peschiera..
Inizio gara contraddistinto da qualche amnesia difensiva e qualche palla persa di troppo, ma dopo due minuti riprendiamo la china e iniziamo a macinare il nostro gioco fatto di una buona difesa (oggi poco attenta) e di veloci contropiede… Il risultato ci sorride e chiudiamo il primo periodo sul 24-9 . Secondo periodo dove i coach fanno girare il roster e nel quale Peschiera prova a ritornare in partita con qualche discreta giocata offensiva. La nostra giornata in difesa non è delle migliori, non chiamiamo i blocchi e non comunichiamo, a causa di questa scarsa vena difensiva regaliamo troppi tiri aperti agli avversari che realizzano con tranquillità.. Al contrario in attacco siamo efficaci e, nonostante non realiziamo un tiro libero per tutto il primo tempo, riusciamo comunque a concretizzare le manovre offensive con buona precisione. Anche il secondo periodo è a nostro favore (18-11) e andiamo al riposo lungo sul 42-20

Nell’intervallo coach Gagliano e Pedrinelli spiegano ai ragazzi che non bisogna mai prendere sottogamba una partita e che c’è la necessità di maggiore vigore in difesa così come più grinta in attacco..
Si rientra in campo con un periodo fotocopia del primo con Opera a disegnare il suo gioco offensivo ed incisivo e Peschiera a provare a difendere. In aggiunta alle realizzazioni su azione, iniziamo anche and infilare i liberi mettendo sempre più punti tra noi ed i  nostri avversati.. Parziale 25-9 che ci porta agli ultimi 10 minuti sul 67-29
Ultima frazione di gara in cui le squadre si affrontano in modo molto più aperto e i ragazzi dell’Olimpia mettono molta più aggressività in campo per provare perlomeno a ridurre il divario, ma i nostri Spartani oggi hanno le mani calde in attacco anche grazie ai numerosi fulminei contropiede… A dimostrazione dell’aggressività dei ragazzi di coach Vitelli, tre bianchi escono per 5  falli, mentre i nostri Operesi non si fanno spaventare dalla loro pressione.. Portiamo a casa anche questo parziale (31-13) e chiudiamo la gara 98-42

Gara nel complesso positiva se si guarda il risultato e quanto messo in campo da tutto il roster, soprattutto da chi gioca poco o era alla prima convocazione FIP.. Peccato per una difesa sembrata molle e poco attenta sui blocchi che ha consentito facili canestri ai nostri avversarii.. Con squadre più strutturate queste disattenzioni le avremmo pagare care… Serve lavorare di più sull’aspetto difensivo ed aumentare la concentrazione in questa fase di gioco..
Prossimo incontro : Giovedi 23.02 ore 19.50 contro Geregnano

SERIE D: SPAVENTIAMO LA CAPOLISTA

Gli Spartani con il roster non al completo, sfiorano il colpaccio e spaventano la capolista Cava Manara. Dopo un primo quarto di sofferenza da parte dei nostri ragazzi,con molti problemi a limitare i lunghi pavesi, nella frazione successiva Opera mette in campo una buona intensità con la quale creiamo crepe nella difesa pavese. Tanto è vero che per fermare le nostre incursioni, Cava è obbligata a schierarsi a zona per lunghi tratti. Buoni anche nel nostro pitturato, dove la nostra aggressività limita il gioco avversario. Sotto di 7 al riposo lungo, ma con ottime sensazioni soprattutto dal punto di vista di intensità mentale. Il terzo quarto è la fotocopia del precedente; non molliamo mentalmente e con una difesa a tutto campo riusciamo a mettere in difficoltà i loro portatori di palla che spesso, con buoni recuperi e veloci transizioni che vengono convertiti.Teniamo ancora bene in difesa contro i lunghi pavesi che vengono sempre raddoppiati e limitati negli appoggi. Riusciamo a limare il gap e portarci solo a – 5 negli ultimi dieci minuti. L’inizio è ancora ottimo dove ancora una volta riusciamo ad accorciare e tenere sotto pressione gli avversari. Purtroppo le nostre rotazioni limitate pagano dazio, in termini di centimetri e di lucidità. Cava vince soffrendo contro i nostri ottimi ragazzi che stasera hanno sfoderato un’intensa partita senza essere già battuti. C’è da essere moderatamente soddisfatti e moderatamente positivi per il cammino ancora da venire.

Città Di Opera 61 Cava Manara 69       (11/19 15/14 18/16 17/20)

Cazzaniga 13, Di Fiore 10, De Francesco, Torresani, Biganzoli 17, Rossetti ne, Sita 6, Botta 8, Preli, Scibilia ne, Rao, De Simone 7

C GOLD: BEFFATI NEL FINALE

Ancora una sconfitta subita nel finale,dopo che per 35 minuti gli Spartani avevano condotto sempre in avanti il match. Con Colombo e Maffezzoli out per infortunio, i biancoverdi avevano indirizzato la partita nel migliore dei modi sin dalle battute iniziali con un ottimo Iurato, Velardo ed Andrea Cappellari, abili a sfruttare le corsie interne e la linea dei tre punti. C’è un ritorno di Nerviano nella seconda frazione che sfruttano le rotazioni biancoverdi  con Di Rauso sotto canestro, e le incursioni di Peroni  e Corno,ben serviti da Gatto. Gli Spartani con ancora Iurato e Galati, versione play, tentano di non far rientrare gli alto milanesi, che purtroppo hanno già rimontato il gap che avevamo costruito nel primo quarto. Dopo 20 minuti siamo davanti di un solo punto all’intervallo lungo. Il rientro dei biancoverdi è quello che ci fan ben sperare per il proseguo dell’incontro, con i ragazzi molto intensi in difesa e decisi in avanti. Andrea Cappellari comincia a martellare il canestro e con la mano di Iurato, presto creiamo un importante scarto che arriva sino a 12 punti che alla fine del tempo verrà ridotto a soli 8. Ma come spesso accade nell’ultima frazione la nostra intensità mentale cala e non riusciamo più a scuotere la retina avversaria. Al contrario, Nerviano, anche a causa di alcune situazioni difensive biancoverdi rivedibili, sfrutta il nostro momento no ed impatta il risultato a metà del quarto. 67 pari. In preda a poca lucidità il tempo scorre e non riusciamo mai a dare la sensazione di poter riprendere in mano l’incontro, anche se sotto di 1 a 50 secondi dal termine, l’arbitro fischia a Velardo un 3 secondi velenoso che grida ancora vendetta e ci da forse la mazzata finale. Vince Nerviano,forse più lucidi e più convinti dei biancoverdi, anche se …
Nervianese 79  OBC 76          (20/29 24/16 14/20 21/11)
Alb. Cappellari 4, Rao, Iurato 19, Galati 14, Gurioli 2, Velardo 9, Vercesi 4, And. Cappellari 18, De Francesco, Daverio 4, Botta 2

 

Under 13 FIP: vittoria a Cesano Boscone

Turno infrasettimanale per i nostri ragazzi nel palazzetto comunale di Cesano Boscone: partita di campionato che si è rilevata facile e ci ha regalato una importante vittoria. Gli Spartani partono con i motori al massimo sorprendendo l’avversario con una valanga di azioni e di punti. Il gioco è fluido, il ritmo forsennato e i ragazzi del Cesano sono indubbiamente intimoriti da questa banda di 5 nani scatenati e velocissimi. Il primo periodo si chiude con un 3-35 che esprime la qualità del gioco di Opera e la determinazione dei suoi giocatori. Nel secondo periodo gli Spartani tornano alla normalità, svolgono con diligenza il loro compito e portano a referto un buon 2-13 grazie ad una buona amministrazione del gioco.

Pausa e rientro che si caratterizza per il ritorno del Cesano che sbraccia i muscoli e mette a segno una serie di canestri dalla media distanza. I nostri però non cedono e ribattono colpo su colpo non concedendo troppi spazi e conseguendo il periodo con un 12-21. Quarto tempo di relax e contenimento, ragazzi sicuri di se, sciolti nel palleggio e pronti a regalarci qualche altra bella azione. La partita si chiude con il punteggio di 21 a 87.

Partita Tranquilla a Cesano Boscone. Bravi Ragazzi: that’s amore!

 

U15 Uisp: Vittoria di carattere contro Csc.

Partita, quella di Corsico contro il CSC, di grande intensità da parte dei ragazzi di Opera.Le due squadre si presentano sul campo con gli stessi punti in classifica (14), situazione che fa valere doppio la posta in palio.

Partenza al fulmicotone degli Spartani che annichiliscono letteralmente i loro avversari, Corsico non riesce a contrastare lo strapotere fisico e di gioco dei ragazzi in blu di Coach Gagliano. La palla gira che è una bellezza creando così la possibilità di finalizzazioni sempre pulite e che, quasi sempre, portano punti. Finale del primo quarto 21 a 6 per Opera. Secondo quarto che richiede, da parte del tecnico operese , un richiamo a stare concentrati perché dopo il consistente break della prima frazione, i blu sembrano essersi rilassati un po’ troppo. Riportata la concentrazione a livelli accettabili, riprendiamo il controllo del match senza però creare gli sconquassi di inizio gara. Questo basta per non dare speranze e i rossi di Corsico che teniamo a debita distanza: 33 a 17 con parziale di 12 a 11.

Dopo l’intervallo lungo le cose non cambiano e rimangono su un piano di equilibrio che ci permette di mantenere il gap inflitto ai nostri avversari in precedenza. La frazione si chiude sul 43 26 (10 a 9). Gli ultimi 10 minuti però, ritorniamo a giocare un ottimo basket, con azioni in transizione ben congegnate e tornando a far girare palla velocemente per liberare al tiro il compagno più libero. Rimpinguiamo così il vantaggio sfruttando anche il calo, psicologico più che fisico, del CSC che vede risultare inutili tutti i tentativi di raddrizzare la partita.

Prestazione, quella degli operesi, convincente e tecnicamente di ottimo livello con soltanto un breve calo di concentrazione assolutamente comprensibile dopo un inizio gara da incorniciare.

Ottimo lavoro Spartani!

Nel prossimo turno ci toccherà la capolista Vismara che ospiteremo sabato 11 febbraio alle 16:30 al pala Nenni.

 

SERIE D: NULLA DA FARE NEL DERBY

Posticipo della quarta di ritorno a Basiglio nel sentito derby contro Mi 3. Partita iniziata subito male per gli Spartani, alla prese con una difesa aggressiva e rapidi contropiedi che creano nel primo quarto un gap di 12 punti. Meglio la seconda frazione nella quale la nostra zona riesce a tamponare gli avanti biancorossi. – 13 all’intervallo. La ripresa del gioco ci vede ancora subire, con i basigliesi che fanno ciò che vogliono nel nostro pitturato,incapaci di alzare un muro sulle iniziative di loro esterni e sui rimbalzi. Durante il periodo ci svegliamo e prendiamo un pò di fiducia tramite buone giocate. Siamo a -19. Nell’ultima frazione abbiamo un minimo di orgoglio e i biancorossi cominciano a non segnare più, tanto è che si rientra a – 11. Poi la partita si innervosisce con conseguenza di una serie di tecnici e due espulsioni per i nostri ragazzi. L’inerzia che era dalla nostra parte svanisce e Milano 3 porta a casa il derby.

MilanoTre 84 – Città di Opera 61      (25/13 19/18 20/14 20/16)

Cazzaniga 13, Giargiari 3, De Francesco 3, Torresani, Biganzoli 15, Rossetti, Sita 6, Botta 2, Preli, Magnani 11, Rao, De Simone 8

Under 13 FIP: sconfitta di misura con Binasco

Ennesima partita al cardiopalma dei piccoli Spartani stavolta in casa con il Binasco. Nel corso della prima frazione di gioco, ci si rende subito conto che non sarà una partita facile e che anche per questo turno l’inferiorità fisica ci penalizzerà. In realtà Opera gioca bene e sembra poter gestire il ritmo della gara anche contro un avversario coriaceo e con alcune individualità particolarmente efficaci. Ma nonostante la velocità del gioco e la buona intensità, soprattutto in difesa, il punteggio rimane basso a causa di una serie interminabile di errori sotto canestro. L’avversario comunque non scappa e il primo tempo si chiude con un -2 di grande equilibrio (9-13, 7-5).

Al rientro dagli spogliatoi l’equilibrio della partita non varia. Binasco mantiene il divario in modo da amministrare il prezioso vantaggio e le residue energie nel corso degli ultimi delicatissimi minuti di gioco. Nel 4° periodo gli Spartani danno il massimo: entrano in campo determinati e si esibiscono in uno dei più bei quarti della stagione. Purtroppo sbagliano l’impossibile e falliscono in più momenti il pareggio anche grazie ad una serie di penetrazioni individuali dei nostri avversari che vanno fatalmente a segno. Finale 38-41 (9-12, 13-12).

Continua la nostra stagione bipolare: giochiamo bene, mettiamo in pratica alla perfezione le trame studiate in allenamento, ma sprechiamo molto e pecchiamo a volte di concentrazione.

In ogni caso partita entusiasmante e soddisfazione fra il pubblico.

Bravi ragazzi. La nostra passione arriva ovunque!

Under 13 Uisp: Opera continua a correre.

Scontro testa-coda fra Opera, seconda e Battaglia Mortara, ultima ancora ferma a quota zero punti. Partita mai in discussione anche perché Opera ha bisogno dei due punti per staccare Legano, terza, e accorciare sulla regina Assago.

Gli operesi infatti partono col Nos e in un primo quarto fulminante gela Mortara con un 25-4 che non lascia spazio a repliche. Mortara infatti riuscirà a segnare solo 12 punti in tutti i 40′ di gioco mentre i padroni di casa giocano sul velluto e arrivano fino a quota 89.

Vittoria senza patemi dunque per Opera.

 OPERA 89 – BATTAGLIA MORTARA 12 (25-4; 48-8; 69-10)

Under 16 FIP: Brutto stop a Corsico

Corsico 75 _ Città di Opera 39

Brutto Stop dei nostri Spartani nella gara di Lunedì a Corsico, contro una buona formazione, dinamica ed aggressiva, ma contro la quale si poteva e doveva fare di più…

Primo periodo in cui non ci facciamo assolutamente intimorire dalla fisicità e velocità dei nostri avversari, ribattiamo colpo su colpo e la nostra difesa tiene molto bene gli attacchi dei ragazzi di Corsico, chiudiamo il parziale 18-15 rimanendo in scia e completamente in partita nonostante due triple del loro numero 10 che li portano di fatto davanti a noi.
Secondo periodo sulla falsa riga del primo dove continuiamo con un ottima difesa, ma purtroppo aumenta il numero di palle perse che di fatto agevola i blu di coach Di Biagio, questi errori uniti alla buona serata da tre del già nominato 10 avversario (saranno 5 le triple consecutive prima del riposo lungo), giocano a nostro sfavore.. Teniamo il regime di parità 23-23 fino a due minuti dal riposo, quando una folata di Corsico li fà allungare sul 34-24 con cui rientriamo negli spogliatoi..

Coach Pedrinelli, non ci sta, vede la possibilità di giocarcela alla pari contro una squadra a cui i nostri ragazzi non hanno nulla da invidiare, per questo motivo striglia il roster e chiede carattere e concentrazione… Se lui vede questa possibilità anche gli Spartani devono crederci. Purtroppo la ramanzina non ha l’effetto sperato, rientriamo completamente sulle gambe ed affrontiamo il terzo periodo come i fantasmi della squadra vista in campo nella prima parte di gara, il risultato di questo quarto parla da solo 23-7 e totale che arriva ad un impietoso 57-31. Il quarto periodo è solo cronaca e rotazioni, ormai gli Spartani non ci credono più e Corsico ha completamente dalla sua l’inerzia della partita, lasciamo sul campo anche l’ultimo quarto con un 18-8 che porta la gara a chiudersi sul 75-39

Partita interpretata molto bene per 18 minuti, poi un parziale a favore di Corsico ha influito negativamente sul morale degli Spartani che sono stati incapaci di riprendersi ed hanno subito la maggiore euforia dei loro avversari..
Forza ragazzi!!! le gare durano 40 minuti e in campo bisogna mettere tutto ciò che si ha dentro, siete voi gli attori delle vostre partite e tutti insieme potete costruire un percorso positivo…. Siete voi i primi a doverci credere!!! Una gara non è il campionato, da Venerdì in campo con la stessa passione ed energia che ci mettono i vostri allenatori per riprendere il cammino dove lo avete lasciato

FORZA SPARTANI!!!

C GOLD: SCONFITTA A FIL DI SIRENA

Gli Spartani incappano in una pesante sconfitta, soprattutto dal punto di vista mentale e per come è maturata,contro Valceresio. I ragazzi partono bene, nel primo quarto, con un Iurato in splendida forma che guida la squadra all’arrembaggio della difesa varesotta. Dall’altra parte solo Clerici e Zattra riescono a creare qualche grattacapo alla nostra difesa. Si segna molto in questa frazione e siamo a +7. Anche nel secondo quarto le retine si muovono parecchio, a testimonianza che le difese subiscono molto dagli attacchi. Si tenta di scappare raggiungendo anche i + 10, ma gli ospiti sono bravi a rimanere sempre in scia, chiudendo il primo tempo sotto di 5. Valceresio è squadra tosta e pericolosa con un gruppo di esterni pungenti e i due lunghi molto battaglieri sotto le plance. Occorre fare qualcosa in più in difesa, visto che in avanti siamo abbastanza sciolti. Al rientro dagli spogliatoi, il play avversario Lepri è out per una brutta caduta, ma subiamo l’aggressività avversaria e i continui cambi di difesa ospite ci creano problemi ad adattarci. Rulli riesce a prendere in mano la squadra con una serie di iniziative e tiene vivo il contatto che dopo 30 minuti segna + 8 per i biancoverdi. La difesa a zona ci porta a perdere qualche pallone di troppo che diventano velenosi, tanto è che i varesotti impattano. Un buon Galati ci riconduce subito avanti ed al 5’ siamo ancora avanti di 8 punti. Purtroppo, spesso i nostri attacchi alla zona sono velleitari e perdiamo spesso riferimenti nella nostra area. Rulli e Clerici sono decisivi nel recupero e a 3 minuti dal termine portano la testa avanti. La bolgia finale è un botta e risposta. Mancano 30 secondi e siamo a + 1, ma un nostro fallo porta i varesotti in lunetta. 2 su 2 e – 1. L’azione successiva, dopo un nostro time out, porta Velardo a subire un fallo e con un 2 su 2, ci portiamo a + 1, quando mancano 4 secondi. Ora è di turno il time out chiamato dagli ospiti che riprendono il gioco nella nostra metà campo. Il tiro di Clerici, dopo una nostra buona opposizione difensiva, va a sbattere sul ferro, ma non siamo abbastanza lucidi e pronti a tenere fuori dallo smile Rulli , che con un tap-in insacca a fil di sirena.
OBC 85  Valceresio 86        (29/22  22/24  17/14  17/26)
Alb. Cappellari 6, Rao ne, Colombo 13, Iurato 20, Galati 16, Gurioli 5, Velardo 13, Vercesi 3, And. Cappellari 6, De Francesco ne, Daverio 3, Botta ne.