UNDER 18 FIP: Trasferta vincente

GARBAGNATE MIL.SE 49 – OBC 74

Gara di alta classifica tra i nostri ragazzi U18 e la compagine di Garbagnate. Entrambe le formazioni intendono continuare la loro corsa in questo girone Silver dimostrando le loro capacità.

Primo quarto abbastanza confusionario da entrambe le parti con gli Spartani che arrivano con regolarità al ferro, ma non realizzano e i bianchi di casa che si affidano a poco precise soluzioni da fuori con scarsi risultati. Dimostrazione di un primo periodo imprecisio il fatto che i primi punti vengono realizzati su tiri liberi dopo circa 4 minuti da inizio gara. Il parziale si chiude con 12-12 che rispecchia l’andamento della gara. Secondo periodo in cui i ragazzi di Opera prendono meglio le misure ed iniziano a mettere in campo il loro gioco fatto di forte difesa e veloci ripartenze, piazziamo un buon break che ci porta al +8, ma un paio di amnesie difensive dall’angolo consentono ai ragazzi di coach Marrapodi di ricudire il divario. Portiamo a casa il periodo con un 16-20 che ci consente di andare al riposo lungo sul 28-32

Al rientro dagli spogliatoi i nostri ragazzi hanno negli occhi la voglia di fare bene e portare a casa una partita importante, sicuramente coach Pozzi si è fatto sentire.. Terzo periodo che comincia sulla falsa riga del primo con ancora alcune sbavature in attacco anche a causa di un campo veramente piccolo a cui i blu operesi non sono abituati. Dopo 4 minuti però le geometrie iniziano a diventare efficaci e la squadra di Garbagnate ha un primo sbandamento. Un Cazzaniga ispirato ci porta a chiudere anche questo periodo vittoriosi con un parziale 13-21. Iniziamo gli ultimi 10 minuti sul 41-53. Ad inizio quarto periodo il coach avversario decidere di difendere a zona, decisione che si rivelerà poco azzeccata, in quanto i nostri Spartani riescono ad affrontarla in modo incisivo ed in un amen piazzano un parziale 0-8 che li fa esaltare. Un ultimo periodo esemplare che alla fine ha regalato un parziale 8-21 che ci ha consentito di portare a casa un buon risultato..

Diciamo che in fase iniziale non è stata una delle gare migliori dei nostri U18. Complice un pò il campo ed un pò l’ansia di fare bene e cancellare la sconfitta contro Garegnano abbiamo sbagliato troppi appoggi semplici e di conseguenza realizzato poco. L’intervallo ha portato consiglio e da quel momento si è visto un netto cambio di approccio..

Bravi Ragazzi!!!

Prossima gara Venerdì 23.02 contro Milano 3

Under 18 Silver: terza vittoria casalinga consecutiva

Terza giornata del torneo Silver Milano 4 e terza partita casalinga per gli Under 18, che ospitano il Centro Mini Basket Rho, prima di una lunga serie di trasferte (6 partite consecutive) che ci porterà a rigiocare al PalaNenni sono nel finale del torneo.

Avvio di studio fra le due formazioni, con gli Spartani che segnano il primo canestro e gli ospiti che replicano con un tiro libero: 2-1 dopo 2’07”. I gialloblu controllano l’incontro senza però riuscire ad allungare con decisione, con le due difese che hanno spesso la meglio sugli attacchi. Si arriva così sul 10-6 a 2’59”, quando gli Spartani riescono ad alzare un po’ il ritmo, piazzando nel finale un parziale di 6 a 2 che, sommato al +4 che già avevamo accumulato, ci porta alla prima sirena con un buon +8 di vantaggio (16-8). L’inizio del secondo quarto resta positivo e una tripla di Di Giovanni dopo 1’23” ci da il primo vantaggio “psicologico” della doppia cifra (19-8). Purtroppo il nostro attacco si inceppa e nei successivi 6 minuti segniamo solo 4 punti. Fortunatamente la nostra difesa tiene abbastanza e quindi, pur concedendo agli ospiti di recuperare qualche punto, arriviamo alla volata finale ancora avanti di 7 (23-16 a 2’42” all’intervallo). Controlliamo bene i rimbalzi con un intenso lavoro sui lunghi avversari, cosa che permette al trio Cazzaniga-Chitti-Mariani di ripartire velocemente e di realizzare in attacco. Gli ultimi minuti sono tutti degli Spartani, che ottengono un prezioso 10-3 che ci porta all’intervallo con una rassicurante dote di +14 sul 33-19 (secondo quarto 17-11).

Il terzo quarto è il più equilibrato. I nostri lunghi Ricciardi, Gardiola e Medaglia, assieme a capitan Pennisi come al solito molto combattivo, si alternano sotto le plance e controllano il pitturato concedendo pochi secondi tiri agli avversari, mentre i nostri esterni sono i più prolifici in attacco. Gli Spartani giocano in controllo, con il divario che resta sempre in doppia cifra, variando di continuo fra i 14 e gli 11 punti. Alla penultima sirena il punteggio si fissa a +13 sul 45-32 (terzo quarto 12-13). Anche nei primi 2’10” dell’ultimo quarto seguiamo lo stesso copione del terzo, controllando il vantaggio fino al 45-34. Rho a questo punto si gioca il tutto per tutto per provare a rientrare ed in 1’19” ottiene un piccolo parziale di 2-5 che li porta per la prima volta sotto al doppia cifra (47-39). Gli Spartani tuttavia reggono il colpo e con la lucida regia di Cazzaniga ed un Chitti ispirato in attacco (che alla fine risulterà molto consistente nei tiri da sotto e da 3 e stranamente impreciso invece dalla media distanza) riportano l’incontro nella giusta direzione. A 4’ esatti dal termine siamo di nuovo a +10 (51-41), e chi scrive ha la piacevole sensazione che Rho sia ormai domata molto più di quanto dica il punteggio. L’impressione si rivela esatta: Opera resta vispa in difesa mentre di contro Rho attacca ormai senza troppa convinzione. Il risultato di questa alchimia è che ovviamente gli Spartani dominano il finale con un nuovo parziale di 7-1, concedendo agli avversari solo un tiro libero. Finisce 58-42. (Ultimo periodo 13-10).

Buona prova degli Spartani che hanno sempre giocato con grande fiducia in se stessi. Questa fiducia ha permesso ai nostri ragazzi di riuscire sempre a controllare i tentativi di recupero degli avversari e a trovare buone scelte anche nei momenti più delicati. Ora ci aspetta una sfida al vertice. Giocheremo in trasferta alla palestra Cappelli e Sforza di via Lampugnano 80 a Milano lunedì 5 alle 20:00 contro Garegnano Blu, che come noi è in testa a punteggio pieno. Vi aspettiamo tutti per tifare i nostri Under 18!

Opera 58 – CMB Rho 42

Rosa, Medaglia, Di Giovanni 6, Ricciardi 4, Cazzaniga 9, Gardiola 6, Pennisi 6, Chitti 17, Mariani 6, Limonta 3, Villa, Leggio 1.

 

Under 18 Silver: Ancora vincenti al Pala Nenni

Seconda partita per gli Under 18 di coach Pozzi nel torneo FIP Silver, chiamati a disputare il recupero della prima giornata. Giochiamo al Pala Nenni contro Settimo Basket, sconfitta di misura dalla quotata Garbagnate nel loro primo incontro del torneo. Dopo i primi minuti di “riscaldamento”, con il primo canestro che arriva dopo 2’36” a favore dei gialloblu, gli Spartani cambiano decisamente ritmo e in 3’50” piazzano un notevole 12-0, lasciando gli Squids… all’asciutto. La panchina ospite è costretta al primo timeout, che effettivamente risulta efficace. Infatti, un po’ di calo di intensità dovuto forse a un leggero appagamento da parte nostra, unito al fatto che Settimo nel timeout “ha raccolto le idee”, fanno si che gli ospiti accorcino il divario, arrivando alla prima sirena un po’ più vicini, 12-7. Il secondo quarto non inizia bene per noi e in 2’40” gli ospiti, spinti anche dal tifo molto caldo dei propri tifosi, agguanta il pareggio (14-14). Il clima si fa rovente ed è grande battaglia sia in campo, che sugli spalti, con il pubblico che si becca un po’, anche se fortunatamente non accade nulla di veramente grave. L’intervallo arriva a raffreddare un po’ gli animi, con gli Spartani che restano comunque avanti, anche se di una sola incollatura, 29-28 (parziale 15-21)

Anche nel terzo quarto, come nel secondo, i Calamari partono meglio, portandosi per la prima volta in vantaggio dopo 2’02” (30-33). Gli Spartani, tuttavia, come sempre non mollano ed esattamente a metà periodo sono di nuovo avanti (36-34 al 5’00”). Settimo ringhia, ma sembra innervosita dalla intensità della nostra difesa, che è molto solida e ci permette di rubare qualche pallone ripartendo in velocità per qualche agevole canestro in appoggio. Gli Spartani inoltre, nonostante il clima intenso della partita, sembrano più lucidi e consapevoli della propria forza: nel finale del quarto piazzano un bel 12 a 2 che ci lancia alla penultima sirena a +12 sul 48-36 (terzo quarto 19-8). L’ultimo quarto inizia per noi come il primo: alla grande! Un lucido Cazzaniga ed un ispirato Chitti che piazza la terza bomba consecutiva della sua partita dall’arco frontale fanno si che dopo 3’03” voliamo a +20 sul 58-38. Sugli Squids “cala-amara” l’ombra della sconfitta. Il nostro finale è agevole ed in controllo, con i nostri lunghi padroni del pitturato a rimbalzo. Vinciamo di 24 (66-42), aggiudicandoci anche l’ultimo quarto 18 a 6!

Buona prova degli Under 18, bravi ad estraniarsi dal clima teso che si era creato nel secondo quarto, rimanendo lucidi e concentrati. Solida anche la nostra difesa, che nel secondo tempo concede solo 14 punti agli avversari. Bravi ragazzi!

Torneremo in campo mercoledì 31 con palla a due alle 19:35, sempre al Pala Nenni, contro l’insidioso CMB Rho., prima di una lunga serie di trasferte Forza Spartani!

Opera 66  –  Settimo 42

Medaglia 2, Di Giovanni 5, Ricciardi 4, Ferrari 8, Cazzaniga 21, Baroncini, Gardiola 4, Pennisi 3, Crespiatico 1, Chitti 12, Mariani 6, Villa.

 

U18 Silver: Esordio positivo nella seconda fase

Anticipo della seconda giornata, che di fatto sancisce l’esordio nella seconda fase Silver Milano 4 del torneo FIP per i ragazzi di coach Ricky Pozzi. Spartani decisi ad affrontare con determinazione questo torneo “di consolazione”, per rifarsi della parziale delusione della prima fase che, senza partite prima vinte e poi perse a tavolino, squalifiche e partite quasi vinte buttate al vento nel finale avrebbe potuto regalarci soddisfazioni e classifica certamente più importanti. Fra l’altro, il gradito ritorno nel nostro rooster degli “ex” Tommaso Chitti e Marco Ricciardi contribuisce a rinvigorire e rilanciare le nostre ambizioni per questa seconda fase. Palla a due e dopo le prime inevitabili azioni “di riscaldamento”, già dopo 2’30” circa gli Spartani prendono il controllo della partita ed ottengono il primo piccolo vantaggio sul 6-2. Il divario fra le due squadre rimane pressoché invariato fino a 3’58” alla fine del primo quarto, con il punteggio sul 9-4. Come al solito l’attacco non è sempre fluido e brillante, ma la nostra difesa si dimostra sempre difficile da battere. Negli ultimi 4 minuti del primo quarto, con un quintetto più leggero e veloce, gli Spartani piazzano un bel break di 8 a 2, chiudendo il quarto con un consistente 17 – 4. Nel secondo quarto la speranza è che gli Under 18 rientrino in campo decisi a dare un secondo strappo al punteggio in modo da mettersi in una tranquilla comfort zone. Invece purtroppo ci manca l’istinto del killer e nei primi 4’25” non riusciamo a fare di meglio che controllare la situazione, facendoci anzi recuperare qualche punto fino al 22-13. Nella seconda metà del quarto pasticciamo molto in attacco e sbagliamo molto, soprattutto da sotto, per troppa fretta e/o poca “serenità” e così rimettiamo completamente in gara Sant’Ambrogio. Si va all’intervallo ancora avanti, ma di poco, sul 26 a 20, con gli ospiti che si aggiudicano la frazione 9-14.

Quello che avrebbe dovuto avvenire nel secondo quarto ci riesce invece nel terzo: dopo 1’33” di gioco scaldiamo il motore portandoci sul +8 (30-22), poi nei successivi 4’30” attacchiamo con pazienza ed alcune buone giocate a due dentro-fuori o taglio dal post indeboliscono e sfiduciano la zona avversaria. Allunghiamo fino al +12 a 3’51” sul 40-28, siglato da una bella bomba dall’angolo che obbliga il coach ospite a chiamare timeout. Il nostro non è il classico strappone all’incontro, quanto piuttosto un allungo in costante progressione. Chiudiamo un ottimo terzo quarto sul +15 a 48-33, con un parziale di 22-13. La partita praticamente finisce qui. Nell’ultimo quarto giochiamo in totale controllo e senza ansie chiudendo l’incontro sul 63-47. Ultimo quarto 15-14.

Coach Ricky Pozzi festeggia il suo compleanno con una buona vittoria ed una partita condotta sempre il testa, ma senza “mal di testa”. Il ritorno dei già citati “ex” allunga sicuramente la nostra panchina e ci permette di avere un organico con cambi più equilibrati e soluzioni di quintetto con maggiori alternative rispetto al recente passato. Ci sono tutti i presupposti per fare bene in questo torneo Silver. Forza Spartani!

Torneremo in campo lunedì 22 alle 21:15, sempre in Nenni, per il recupero della prima giornata contro Settimo Basket. Vi aspettiamo per tifare i nostri Under 18!

Opera 63 – Casteggio 47

Medaglia 4, Di Giovanni, Ferrari 11, Serbolisca 10, Cazzaniga 12, Gardiola 3, Pennisi 2, Ricciardi 9, Chitti 10, Mariani 2, Villa.

 

Under 18 Fip: Esordio positivo nella seconda fase

U18 Silver Giornata 2: Opera 63 – Casteggio 47

Anticipo della seconda giornata, che di fatto sancisce l’esordio nella seconda fase Silver Milano 4 del torneo FIP per i ragazzi di coach Ricky Pozzi. Spartani decisi ad affrontare con determinazione questo torneo “di consolazione”, per rifarsi della parziale delusione della prima fase che, senza partite prima vinte e poi perse a tavolino, squalifiche e partite quasi vinte buttate al vento nel finale avrebbe potuto regalarci soddisfazioni e classifica certamente più importanti. Fra l’altro, il gradito ritorno nel nostro roster degli “ex” Tommaso Chitti e Marco Ricciardi contribuisce a rinvigorire e rilanciare le nostre ambizioni per questa seconda fase. Palla a due e dopo le prime inevitabili azioni “di riscaldamento”, già dopo 2’30” circa gli Spartani prendono il controllo della partita ed ottengono il primo piccolo vantaggio sul 6-2. Il divario fra le due squadre rimane pressoché invariato fino a 3’58” alla fine del primo quarto, con il punteggio sul 9-4. Come al solito l’attacco non è sempre fluido e brillante, ma la nostra difesa si dimostra sempre difficile da battere. Negli ultimi 4 minuti del primo quarto, con un quintetto più leggero e veloce, gli Spartani piazzano un bel break di 8 a 2, chiudendo il quarto con un consistente 17 – 4. Nel secondo quarto la speranza è che gli Under 18 rientrino in campo decisi a dare un secondo strappo al punteggio in modo da mettersi in una tranquilla comfort zone. Invece purtroppo ci manca l’istinto del killer e nei primi 4’25” non riusciamo a fare di meglio che controllare la situazione, facendoci anzi recuperare qualche punto fino al 22-13. Nella seconda metà del quarto pasticciamo molto in attacco e sbagliamo molto, soprattutto da sotto, per troppa fretta e/o poca “serenità” e così rimettiamo completamente in gara Sant’Ambrogio. Si va all’intervallo ancora avanti, ma di poco, sul 26 a 20, con gli ospiti che si aggiudicano la frazione 9-14.

Quello che avrebbe dovuto avvenire nel secondo quarto ci riesce invece nel quarto: dopo 1’33” di gioco scaldiamo il motore portandoci sul +8 (30-22), poi nei successivi 4’30” attacchiamo con pazienza ed alcune buone giocate a due dentro-fuori o taglio dal post indeboliscono e sfiduciano la zona avversaria. Allunghiamo fino al +12 a 3’51” sul 40-28, siglato da una bella bomba dall’angolo che obbliga il coach ospite a chiamare timeout. Il nostro non è il classico strappone all’incontro, quanto piuttosto un allungo in costante progressione. Chiudiamo un ottimo terzo quarto sul +15 a 48-33, con un parziale di 22-13. La partita praticamente finisce qui. Nell’ultimo quarto giochiamo in totale controllo e senza ansie chiudendo l’incontro sul 63-47. Ultimo quarto 15-14.

Coach Ricky Pozzi festeggia il suo compleanno con una buona vittoria ed una partita condotta sempre il testa, ma senza “mal di testa”. Il ritorno dei già citati “ex” allunga sicuramente la nostra panchina e ci permette di avere un organico con cambi più equilibrati e soluzioni di quintetto con maggiori alternative rispetto al recente passato. Ci sono tutti i presupposti per fare bene in questo torneo Silver. Forza Spartani!

Torneremo in campo lunedì 22 alle 21:15, sempre in Nenni, per il recupero della prima giornata contro Settimo Basket. Vi aspettiamo per tifare i nostri Under 18!

Medaglia 4, Di Giovanni, Ferrari 11, Serbolisca 10, Cazzaniga 12, Gardiola 3, Pennisi 2, Ricciardi 9, Chitti 10, Mariani 2, Villa.

 

Under 18: battuti nel finale

Altro turno interno per gli Under 18 di Ricky Pozzi, che sono costretti ad affrontare in Nenni la Virtus Casteggio a ranghi ridotti, con ben 4 assenze fra squalificati ed infortunati. Avvio sostanzialmente equilibrato, con i nostri che reggono bene l’impatto contro una delle squadre più dotate fisicamente finora affrontate. A circa metà periodo siamo avanti di 2 (7-5 dopo 4’26”). Reazione degli ospiti che passano in vantaggio per la prima volta dopo 7 minuti esatti di gioco (9-12), ma pronta replica dei nostri, che negli ultimi 3 minuti piazzano un buon 8-3, chiudendo il primo quarto in testa di 2 sul 17-15.  Secondo quarto splendidamente combattuto con le due squadre che si sorpassano continuamente nel punteggio. Opera replica con una maggiore tecnica alla forza e ai centimetri degli avversari. Si arriva così sul 26-27 quando mancano 2’37” all’intervallo. Qui abbiamo il nostro miglior momento e piazziamo un ottimo 10 a 3, suggellato da una bomba dall’angolo a fil di sirena, che ci fa scappare a +6 sul 36-30. (Secondo quarto 19-15).

Inizio di terzo periodo disastroso dove per 3’ non segniamo, consentendo agli ospiti riprenderci a quota 36 pari. E’ il miglior momento di Casteggio, che dopo 5’07” di gioco allunga a + 3 sul 40-43 (con un break di 4-13). Gli Spartani non si disuniscono e, pur faticando molto in attacco (saranno solo 10 i nostri punti in questo quarto), reggono a livello difensivo, chiudendo alla sirena sotto solo di 1 sul 46-47 (terzo quarto 10-17). Nell’ultimo quarto la partita si fa spigolosa, con entrambe le formazioni che faticano a trovare il fondo della retina. Distacco invariato a 4’29” dal termine sul 51-52, con solo 5 punti siglati per parte. E’ il momento della volata, ma i nostri non ne hanno più, forse a causa della panchina forzatamente corta per la squalifica di Cazzaniga e le assenze di Di Giovanni e Rosa e con Limonta in panchina solo per onor di firma. Sembriamo stanchi e perdiamo lucidità, finendo per segnare un solo punto su tiro libero nei decisivi momenti finali. Finisce 52-64 con Casteggio che, meritatamente, proprio nel finale dilata un divario che in realtà per quasi tutta la partita non si è visto. (Ultimo quarto 6-17 che dice tutto).

Adesso andremo in trasferta lunedì 20 a Stradella, al palazzo dello sport di via Repubblica, 50. Palla a due alle ore 21:00. Forza Spartani.

Opera 52 – Casteggio 64        

Medaglia 7, Baroncini, Ferrari 7, Serbolisca 6, Oldani 3, Gardiola 4, Pennisi 16, Lampugnani, Mariani 5, Limonta, Villa 2, Leggio 2. 

 

Under 18: Bella vittoria annullata a tavolino

Partita casalinga per gli Under 18 di Ricky Pozzi, che ospitano la temibile Basketown Milano, che si trova al secondo posto in classifica. I nostri Spartani vogliono riscattarsi dalla sconfitta in trasferta maturata nel finale a Landriano. Avvio deciso degli ospiti che nei primi 4’ e mezzo di partita allungano senza soluzione di continuità: +4 dopo 2’16”, + 5 dopo 3’13” ed infine +7 sul 4-11 dopo 4’32”. Gli Spartani però reggono botta e non si disorientano. Aumentano la pressione difensiva e giocano con più fluidità in attacco ed in meno di 3 minuti ribaltano la situazione: una bomba da 3 di Cazzaniga sigla il sorpasso sul 13-11 a 2’35” dal termine del primo quarto. Gli Under 18 non si fermano e scappano a +5 sul 16-11 a 1’46”: parziale di 12 a 0 ed inerzia ora tutta dalla nostra. Il periodo si chiude 21-16, con gli Spartani che conservano il +5 conquistato. L’inerzia non cambia nemmeno dopo il primo mini intervallo, con gli Spartani padroni del campo che allungano ancora: +9 dopo 3’12” sul 27-18. Basketown reagisce e recupera qualche punto, senza però mai riuscire ad agganciarci. Si va all’intervallo con i nostri ancora avanti di 4 sul 36-32, a sancire un secondo quarto sostanzialmente equilibrato (parziale 15-16)

Dopo l’intervallo Basketown prova ad avvicinarsi al pitturato con i suoi lunghi, mettendoci in difficoltà: ci aggancia e ci sorpassa dopo 2’50” sul 38-39, allungando ancora dopo circa un minuto fino al +4 sul 39-43 dopo 3’52”. Gli Spartani ancora una volta si dimostrano tali e lottano senza mollare mai: in 3’12” piazzano un contro break di 8 a 0 ed sono di nuovo in testa di 4 sul 47-43 a 2’56” all’ultimo intervallo. Finale in volata che ci vede ancora avanti di 2 sul 49-47 (parziale 13-15). L’ultimo quarto è molto combattuto e la partita ora è molto bella, con le due squadre che replicano punto su punto: 49 pari a 7’57” al termine, di nuovo 51 pari a 6’17”, di nuovo Spartani avanti di un solo punto sul 54-53 quando al cronometro manca un periodico 3’33”! Troviamo 25” di magia con una palla rubata e un canestro dal perimetro che ci permettono di allungare fino ad un importante +5 sul 58-53 quando manca 3’08”. Gli ospiti replicano con un canestro ed accorciano sul 58-55 a 2’20”, ma sarà il loro ultimo punto. Gli Spartani sono concentrati e determinati e chiudono autorevolmente 61-55 (ultimo quarto 14-8).

Purtroppo qualche giorno dopo, il Giudice Federale punisce una nostra cattiva interpretazione del regolamento per aver schierato in campo il nostro Danny Boy Cazzaniga, che per noi aveva già scontato la sua squalifica contro Landriano, mentre la Federazione ha ritenuto che con Landriano avrebbe potuto giocare ed avrebbe invece dovuto scontare la squalifica proprio contro Basketown. Questo comporta la sconfitta a tavolino 0-20 contro Basketown e anche la beffa di non poter schierare Cazzaniga nemmeno nella prossima partita contro Casteggio (e così fanno 3 assenze per 1 giornata di squalifica…)

Perdiamo così 2 importanti punti in classifica, ma ci resta la soddisfazione della bella prova sul campo dei nostri ragazzi contro una delle migliori squadre del girone. Ora ci tocca la Virtus Casteggio, che affronteremo a ranghi ridotti fra squalificati ed infortunati il 13 novembre in Nenni. Forza Spartani!

 Opera 63 – Basketown 55          

Rosa 4, Medaglia 4, Ferrari 5, Serbolisca 9, Cazzaniga 19, Gardiola, Pennisi 8, Lampugnani, Mariani 5, Limonta 9, Villa, Leggio. 

Under 18 FIP: Gettata al vento una bella occasione

Vivisport Landriano 68 – Opera 60

Seconda trasferta per gli Under 18 di Ricky Pozzi, ospiti di Vivisport Landriano: praticamente un “classico” del torneo di qualificazione F.I.P. di questi anni. Avvio con molti errori da entrambe le parti, e punteggio conseguentemente basso. A metà quarto Spartani avanti 5-9. Distanza praticamente invariata a 3’01”, con i nostri ancora avanti di 5 sul 8-13. Con più attenzione si potrebbe allungare con decisione, invece negli ultimi minuti pasticciamo ancora e consentiamo a Landriano di restare in scia. Prima sirena 13-14 a nostro favore. Il secondo quarto prosegue sullo stesso copione e dopo 3’44” Opera torna a +5 (19-24). Purtroppo ci manca la forza per mettere a segno un vero break. Anzi, il passaggio di Landriano alla difesa a zona con una 1-3-1 piuttosto aggressiva ci manda in tilt: i nostri play non riconoscono la difesa a zona e chiamano schemi di attacco contro la difesa a uomo… Trascorrono così 3’30” in cui non segniamo, subiamo un 9 a 0 e a 2’36” all’intervallo siamo sotto 28-24. Reagiamo più con la grinta che col gioco e a 1’21” siamo di nuovo pari (28-28), ma poi, complice il 4 su 4 ai liberi di Landriano contro il nostro 0 su 3 sempre dalla lunetta, fa si che all’intervallo lungo siamo di nuovo sotto di 5, 34 a 29. (secondo quarto 21-15)

Nel terzo periodo Landriano difende il piccolo vantaggio fino a 2’13” dalla sirena, quando i nostri, con un buon 0-7, prima pareggiano a quota 47, e poi chiudono avanti sul 47-51 (terzo quarto 13-21). Nell’ultimo periodo iniziamo molto bene e dopo 58” raggiungiamo il massimo vantaggio (+7) sul 47-54, con un break complessivo di 0-10 che, in una partita a così basso punteggio, potrebbe e dovrebbe essere decisivo. Purtroppo, invece, ci manca il killer instict e subiamo nuovamente la zona avversaria. Landriano si rilancia così con un contro break di 11 a 1 che ci porta sul 58-55 a 3’05” dal termine (1 solo nostro punto in 6 minuti di gioco!!). Ci sarebbe ancora tempo per giocarcela e ci proviamo anche, arrivando a -2 a 2’13 sul 60-58 (nonostante 2 sanguinose palle perse consecutive…). Ma Landriano è più fredda e lucida, e sa cosa fare quando la palla scotta. Finisce 68-60. (Ultimo quarto 21 a 9, che dice tutto).

In un incontro complessivamente brutto e nervoso, sono tante le ragioni per spiegare una vittoria che comunque avevamo costruita, sfiorata e poi buttata al vento: 21 palle perse, poco più del 30% di squadra ai tiri liberi, incapacità di giocare negli spazi contro la zona avversaria (chiamando anche schemi fatti per attaccare la difesa a uomo e non la zona…), blocco in attacco segnando solo 1 punto in 6 minuti nel quarto decisivo e proprio nel momento in cui l’incontro era invece da chiudere definitivamente a nostro favore. In queste condizioni è difficile portare a casa gli incontri e Landriano vince alla fine con merito perché ha giocato meglio (o meno peggio?) nel momento topico. Ai nostri rimane da recitare un grande mea culpa.

Ora ci tocca Basketown Milano, che scenderà al PalaNenni mercoledì 1 novembre con inizio alle 20:15. Forza Spartani!

Rosa 1, Medaglia 4, Baroncini 2, Ferrari 10, Serbolisca 6, Gardiola 4, Pennisi 11, Lampugnani 2, Mariani 4, Limonta 16, Villa, Leggio.

 

FIP Under 18: Gli Spartani danno battaglia

Opera 67 – Here You Can 91

Recupero della prima giornata ed esordio casalingo per gli under 18 di coach Pozzi. Al PalaNenni arriva la corazzata Here You Can, determinata a vincere senza fare prigionieri. Avvio subito intenso: in 1’44”, con due giochi da 3 e un paio di liberi, HYC scappa subito sul 3-8. Gli Spartani però non si disuniscono e appaiono sul pezzo: primo pari sul 10-10 al 6’00”, replicato a 4’35” sul 14-14, quando la partita viene sospesa una prima volta a causa della scivolosità del parquet dovuto alla tardiva accensione del riscaldamento. Questo è un problema che si trascina da tempo e al quale il nostro Comune dovrebbe provvedere perché mette a repentaglio la sicurezza dei giocatori e l’immagine della nostra società e dello stesso Comune di Opera. La pausa non ci fa bene e alla ripresa delle operazioni subiamo in 2’35” un pesante break di 0-9 che ci porta a 2’ esatti alla prima sirena sul 14-23. Primo quarto si chiude 19-27, con HYC che sembra lanciata verso una proiezione da quasi 110 punti…Nel secondo tempo gli Spartani continuano a rendere difficile la vita agli avversari, che sicuramente si immaginavano una partita più semplice. Scendiamo a -10 a 8’33” sul 19-29, ma continuiamo ad attaccare avendo la pazienza di aspettare un tiro “buono”, mentre difendiamo con la solita grinta nella nostra metà campo. Ricuciamo il divario a -6 sul 29-35 a 3’38” dall’intervallo e qualche giocatore di HYC comincia a dar segni di nervosismo. Probabilmente si aspettavano un OBC più arrendevole. Il tempo si chiude con gli Spartani ancora a -8 sul 39-47, con il punteggio del secondo quarto in perfetta parità (20-20): siamo ancora in partita.

All’inizio del terzo quarto gli Spartani accelerano ancora e hanno una bella fiammata: in 1’04” siglano un bel 6 a 2. Siamo così a -4 sul 45-49 con la partita completamente riaperta! Bravi ragazzi!. Qui avviene l’episodio decisivo: un giocatore ospite perde definitivamente il controllo e, a gioco fermo, spintona alle spalle uno dei nostri, che purtroppo casca nella provocazione e reagisce. Risultato: entrambi espulsi! Purtroppo l’esclusione ci costa cara perché HYC è ben più attrezzata di noi per rimpiazzare l’assenza venutasi a creare e da quel momento fino alla terza sirena gli ospiti siglano un break di 8 a 21 che si rivelerà decisivo. HYC scappa a +17 sul 53-70 (terzo quarto 14-23), chiudendo il sostanza il discorso. Nell’ultimo quarto entrambe le squadre, che hanno speso molto sia a livello fisico che nervoso, rallentano un po’, ma gli Spartani hanno comunque ancora la forza di non sbracare, finendo si battuti di 24, ma non travolti. Finisce 67 – 91 (ultimo quarto 14-21)

E’ stata sicuramente una prestazione maiuscola dei nostri ragazzi, piena di segnali positivi: hanno messo in difficoltà uno squadrone come Here You Can, che da anni è costruito per tentare di vincere il campionato (peraltro senza finora riuscirvi: in questo senso più un Here You Try che un Here You Can…). HYC era scesa a Opera con la volontà di stravincere più che di vincere ma, in un clima diventato torrido a seguito di sospensioni dell’incontro per la scivolosità del parquet ed espulsioni varie, i nostri Spartani sono riusciti a portare gli ospiti ai limiti dell’isteria nel momento in cui il loro vantaggio si era ridotto a soli 4 punti in pieno terzo quarto. Alla fine è vero che abbiamo perso di 24, ma abbiamo dato battaglia a testa alta. Forse, fosse stata una partita a ranghi completi fino alla fine, ci sarebbe stato ancor più da divertirsi. Comunque bravi ragazzi, siete stati spavaldi!

Il campionato non da tregua e già giovedì 26 saremo chiamati ad un’altra impegnativa trasferta, ospiti di Vivisport Landriano nella palestra Pasolini di via XXV Aprile. Palla a due alle 21.00. Forza Spartani!

UNDER 18 FIP: Esordio vincente in trasferta

Polisportiva Garegnano 51 – Opera 61

Esordio ufficiale per gli Under 18 di coach Riky Pozzi, nell’anticipo della seconda giornata del torneo F.I.P. under 18, che vede gli Spartani ospiti della Polisportiva Garegnano a Milano.

Avvio al rallentatore con i gialloblu che sembrano frenati dall’emozione dell’esordio, sbagliando conclusioni certamente alla nostra portata. Anche gli avversari faticano a trovare il fondo della retina e così dopo 3’30” il tabellone segna uno scarno 2 a 4. Tutto il quarto prosegue sulla stessa trama, con gli Spartani che, pur sembrando tecnicamente più attrezzati, di fatto non riescono ad allungare. Prima sirena 12 a 14 per Opera. Anche il secondo quarto procede con molti errori banali. La partita è poco spettacolare e nonostante un micro allungo degli Spartani a +5 a metà periodo, nel finale sprechiamo il piccolo vantaggio accumulato, andando all’intervallo lungo con un solo punto di vantaggio sul 27 – 28 (secondo quarto 15 – 14). La sensazione di aver purtroppo sprecato molto resta e avremmo dovuto invece, se non chiudere l’incontro, almeno averlo già indirizzato sui giusti binari.

Anche nel terzo quarto il copione non cambia: Opera resta quasi sempre avanti di poche lunghezze (massimo vantaggio di nuovo a +5 sul 27-32 a 5’16”), ma non va in fuga. Anzi, a 3’09” alla penultima sirena Garegnano con un buon 8 a 2 in poco più di 2 minuti mette per la prima volta il naso avanti sul 35 – 34. Coach Pozzi chiama un timeout a 2’18” quando siamo ancora sul 35 – 34. Le parole del nostro coach, unite forse all’orgoglio degli Spartani che si vedono per la prima volta in svantaggio, scuotono finalmente i nostri ragazzi: un buon contro break di 7 a 0 frutto di schemi finalmente eseguiti fino in fondo e del nostro pressing sulle rimesse avversarie ci porta alla sirena avanti di 6 e finalmente convincenti: 35-41 (terzo quarto 8-13). Nei primi 59” dell’ultimo quarto piazziamo subito un altro 4 a 0, arrivando per la prima volta al vantaggio in doppia cifra, +10 sul 35 – 45 (break di 0 a 11 in poco più di 3’ a cavallo fra il finale del 3° quarto e l’inizio dell’ultimo!). Sarà il break decisivo: con una buona gestione del vantaggio riusciremo infatti a controllare il vantaggio accumulato senza soffrire più del dovuto, nonostante qualche palla che viene ancora sprecata per fretta di chiudere o per qualche calo di concentrazione nel finale.

Tutto sommato è stata una buona prestazione dei nostri ragazzi che, nonostante una palese emotività che ci ha frenato per buona parte dell’incontro, sono stati incisivi a rimbalzo nonostante fossero fisicamente in difficoltà sui nostri avversari. Gli Spartani hanno poi avuto la “solita” positiva reazione d’orgoglio nell’unico momento di difficoltà che, unita ad una superiorità tecnica piuttosto evidente, ci ha permesso di portare a casa la prima meritata vittoria stagionale.

Ora ci aspetta il recupero della prima giornata che sarà domenica 22 nella tensostruttura di via Nenni alle ore 11:30 contro Here You Can. Forza Spartani!